Utilizziamo i cookie per assicurarti una migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo inoltre anche cookie di parti terze. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti automaticamente all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

impiantpo_2 MISTRAL_ventilatori DSC_0433 DSC_0413

La sezione di depurazione e trattamento fumi ha il compito di ridurre al massimo la concentrazione di inquinanti presenti nei fumi derivanti dalla combustione dei rifiuti, essa si articola nelle seguenti fasi:

  • lo stadio secco dotato di un reattore di assorbimento con dosaggio di reagenti chimici per la neutralizzazione delle sostanze inquinanti e susseguente filtro a maniche per l'eliminazione dei prodotti reagenti e delle ceneri volanti;
  • la denitrificazione catalitica per la riduzione degli ossidi di azoto.

Il primo trattamento sui fumi avviene nella camera di post-combustione, dove subiscono un'iniezione di urea che reagendo con gli ossidi di azoto ne permette un primo abbattimento.

Successivamente, i fumi provenienti dalla caldaia entrano nel corpo cilindrico verticale del reattore all'interno del quale i gas entrano in contatto con il bicarbonato di sodio e con i carboni attivi in polvere. Al suo interno si realizza la reazione chimica tra bicarbonato e gas acidi e l'assorbimento fisico di microinquinanti organici e metalli tramite le polveri a carboni attivi.

La reazione di abbattimento degli inquinanti si completa a valle del reattore, nel filtro a maniche. Il filtro è dotato di una struttura modulare costituita da più camere separate contenenti le maniche filtranti in PTFE, sulle quali si accumulano i reagenti e le ceneri volanti fino a formare uno strato che, attraversato dai fumi, permette di trattenere le molecole di acido e i microinquinanti liberi grazie alla presenza dei reagenti ancora attivi.

All'uscita del filtro a maniche dove i fumi sono stati completamente depolverizzati vi sono i catalizzatori che hanno la funzione di abbattere NOX, diossine e furani.

La combustione produce dei residui quali scorie, ceneri caldaia e polveri di abbattimento fumi che variano in funzione della parte inerte contenuta nel combustibile trattato.

Mediamente l'impianto produce il 15% di rifiuto sul totale dei rifiuti trattati di cui il 95% viene recuperato e solo il restante 5% viene conferito in discarica.